SIAF Italia

Verbale Presidenti Regionali SIAF

Verbale Presidenti Regionali SIAF

S.I.A.F. Societa’ Italiana Armonizzatori Familiari

Counselor,  Counselor Olistici e Operatori Olistici

Via D.M. Manni 56/rosso 50135 Firenze – C.F. 92018180429 – 

www.siafitalia.it

 

 

Vr. 16\12

 

 

Verbale di riunione dei Consigli Direttivi Regionali

del 15/11/12 e 16/11/12

 

 

I giorni 15 e 16, del mese di Novembre, dell’anno 2012, a Firenze, si è riunita l’assemblea dei consigli direttivi regionali dell’associazione S.I.A.F. (Società Italiana Armonizzatori Familiari) dalle ore 15:00 del giorno 15/11/12 alle ore 17:30 del 16/11/12.

 

Sono presenti:

Floriana Rubino – Presidente Nazionale

Valerio Sgalambro -Vicepresidente Nazionale

Patrizia Colangeli – Tesoriere Nazionale

Stefania Muraro – Segretaria Nazionale

Imelda Zeqiri  – Segretaria Amministrativa

Sara Caloni – Consulente Legale

 

Massimo Rossi (Piemonte)

Daniela Bottino (Piemonte)

Antonio Franco (Lombardia)

Antonio Strafella (Liguria)

Marcello Graglia (Liguria)

Sabrina Garreffa (Liguria)

Andrea Marini (Toscana)

Maria Grazia Giaume (Toscana)

Barbara Buini (Toscana)

Gianni Bruschetini (Toscana)

Alberto Mantovani (Veneto)

Maurizio Mioli (Emilia Romagna)

Abele Contu (Emilia Romagna)

Romina Santoli (Emilia Romagna)

Paolo Bovetti (Marche)

Renato Tittarelli (Marche)

Josephine Grieco (Marche)

Bruscia Laura (Marche)

Valentina Chiarappa (Lazio)

Valeria Masutti (Lazio)

Rosalia Grande (Lazio)

Domenica Ciotoli (Lazio)

 

 

 

Assume la coordinazione degli interventi il socio Paolo Bovetti.

 

Il Presidente Nazionale chiama a fungere da segretario verbalizzante, ai sensi dell’articolo 24 del vigente statuto associativo, la Segretaria Nazionale, Stefania Muraro, con l’accordo unanime dei presenti.

 

Alle ore 15:00, svolte le operazioni di registrazione e riconoscimento degli intervenuti, rilevato che sono presenti 22 membri dei consigli direttivi regionali, il coordinatore dei tavoli dichiara che l’assemblea con funzione consultiva può avere inizio.

  • Prende la parola il Presidente Nazionale che svolge una breve relazione sui punti da trattare e chiede ai presenti di prendere la parola e spiegare i loro ruoli all’interno dei vari direttivi (Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Marche). I presenti dichiarano di avere accettato di partecipare a tale riunione perché hanno alcuni quesiti da sottoporre al Direttivo e per capire meglio quali sono le funzioni del Direttivo Regionale.

Il Presidente, Floriana Rubino, si dichiara soddisfatta del lavoro svolto fino ad ora, ma crede che sia opportuno lavorare anche e soprattutto in quelle regioni dove ci sono pochi soci iscritti tramite l’organizzazione di corsi, giornate di formazione, convegni, serate culturali.

  • Prende la parola il Vicepresidente, Valerio Sgalambro, il quale esprime la propria soddisfazione nell’avere davanti a sé così tanti rappresentanti delle SIAF Regionali ai quali spiega che tale riunione è importante poiché ci sono tante scadenze delle quali discutere. Lo scopo di tale riunione è fare un’analisi dei bisogni e cercare di condividere il sogno di rendere la SIAF una Federazione di sedi regionali autonome. Questa sarà probabilmente l’ultima assemblea dei Presidenti Regionali perché in questa riunione verranno proclamati i Coordinatori delle varie macro aree. Tutte le future esigenze, bisogni, proposte dei vari presidenti arriveranno al direttivo nazionale tramite i coordinatori.

Vengono proiettati alcuni numeri (elenco dei soci delle varie regioni) e si riscontra che la SIAF si sta diffondendo anche a livello europeo. SIAF sta lavorando con alcuni colleghi di Bruxelles e della Francia. L’idea è di creare una piattaforma professionale europea con altri 18 paesi membri.

  • Interviene il Presidente di SIAF Toscana, il quale spiega ai presenti di aver ereditato una delle regioni con il maggior numero di iscritti e allo stesso tempo di dover ricorrere a chiarimenti e soluzioni per errori commessi nel passato, anche se in buona fede. Analizza il caso del Consorzio Multidisciplinare della Toscana all’interno della quale sono rappresentati tutti gli albi e collegi e associazioni professionali. All’interno di questo consorzio si possono presentare diversi progetti e si possono ottenere finanziamenti per poterli portare a termine. Una delle socie fondatrice di questo organismo è Gabriella Argentiero. Nel Consorzio è entrato direttamente, senza voto, anche il CoLAP, mentre altri invece vengono eletti. Nel CoLAP Toscana c’era la socia Gabriella Argentiero, la quale, dopo una grave malattia, è stata sostituita dal signor Paolo Roccalbegni, il quale oltre a non rappresentare SIAF, non è neanche Toscano. Tra l’altro, egli è entrato a far parte di CoLAP Nazionale. Andrea Marini esorta gli altri presidenti a presentare la propria candidatura per entrare a far parte del Consorzio nelle loro regioni oppure di crearlo qualora non esistesse.
  • Viene data parola al socio Fabrizio Barbieri, il quale è stato invitato a chiarire le idee sull’assicurazione e sulle possibilità di stipulare diversi tipi di polizze. La polizza stipulata da SIAF copre la responsabilità civile. Il penale rimane personale. Barbieri propone di inviare al Broker la descrizione della categoria professionale (SIAF) e invita i presenti a far firmare ai propri interlocutori il CONSENSO INFORMATO spiegando bene di cosa si occupa l’operatore e cosa andrà a fare durante la seduta. Per maggiori informazioni sulle tipologie di assicurazione possono contattare il numero 366-15911651 oppure l’indirizzo fabrizio.barbieri6@alice.it
  • Vengono discussi alcune possibilità di introiti nelle sedi periferiche:

– Segretaria/Tirocinante unica che si occupa Patrocini

-Spazio pubblicitario per i soci all’interno del sito

-Patrocini per eventi regionali

-Convenzione con strutture ricettive/ristoranti/esercizi  commerciali

-SIAF Nazionale sovvenzionerà i progetti regionali

-Corsi sulla Deontologia Professionale

-Giornate/corsi erogati dai soci

-Patrocini (30 euro)

  • Interviene il webmaster, Simone Palazzo (info@headstudiorecords.com 340-8245930) il quale spiega come gestire i siti regionali (sito costruito su wordpress). I presenti seguono le indicazioni di login/logout e upload e download dei file tramite la Bacheca e l’inserimento dei file nelle sezioni apposite (Bacheca, Pagine, Articoli Paragrafi, Aggiornamenti etc…)

Si discute la possibilità di costruire un database con i nomi degli iscritti per permettere agli utenti esterni di cercare uno specialista della loro area tramite un form dal quale non si vedono i dati dell’operatore (email e/o telefono). Si discute anche sulla possibilità di poter inviare una newsletter a tutti i soci, ma dopo un breve dibattito, l’idea viene ritenuta impegnativa da gestire. Le richieste pervenute al Nazionale verranno girate al Regionale.

  • Interviene la Responsabile di CNA Toscana, Francesca Mazzocchi, la quale spiega ai presenti di cosa si occupa CNA Professioni, 2° associazione a livello nazionale per quanto riguarda le professioni non regolamentate. Le singole associazioni professionali si affiliano al CNA (anche il professionista può affiliarsi singolarmente) e il socio usufruisce di convenzioni (carta carburante, telefonia etc…). Il CNA Toscana è già seduto al tavolo di concertazione generale. Il CNA Professioni a livello nazionale è una struttura di 500.000 soci. Fa una lobby trasversale anche su varie tematiche; eroga una serie di servizi (anche fiscali quali la contabilità, le paghe, i tributi, la previdenza), garantisce la rappresentanza dentro all’UNI per il processo di certificazione.
  • Vengono illustrate le funzioni del Coordinamento d’Area: i 5 consiglieri (in carica 3 anni) entreranno a far parte del Consiglio Direttivo Nazionale SIAF (composto dalla giunta esecutiva di 3 membri in carica 5 anni). Ci sarà quindi il doppio elettorato. L’assemblea dei soci vota il Presidente, Vicepresidente e Tesoriere (la giunta esecutiva). I consiglieri nazionali collaboreranno per la presa di decisioni. I presidenti delle regioni della macro area votano il loro coordinatore, il quale perde la sua posizione di presidente e il primo non eletto entra a far parte del consiglio direttivo regionale riorganizzando nuovamente tutte le cariche.

Di cosa si occuperà il CdA?

v I presidenti della macro area si incontrano con il proprio CdA al quale esprimono i loro bisogni e il CdA porterà in consiglio le problematiche

v E’ un consigliere nazionale e in più coordina la propria area; se fa proposte, queste vengono discusse e votate in consiglio. I coordinatori si spartiranno i compiti.

v Saranno previsti due incontri annuali con tutti i Consiglieri. Essi però si devono rendere disponibili a rispondere ad email, alle telefonate e a mettersi in contatto con i presidenti regionali.

v Coordinare i progetti dell’area di competenza; scoprire la ragione comune del mondo SIAF.

v Incontrare i presidenti regionali e raccogliere i loro pareri e suggerimenti.

  • Rapporti tra Siaf Nazionale e Siaf Regionale:
  • Siaf Regionale ha autonomia amministrativa;
  • Lo statuto regionale è stato già approvato e non si possono apportare modifiche strutturali, ma solamente delle precisazioni o correzioni;
  • L’attestazione di competenza professionale viene rilasciata solo dal nazionale;
  • L’iscrizione dei soci nella regione avviene d’ufficio; un socio può fare richiesta per entrare a far parte di un’altra regione, motivandola e accludendo all’istanza la cancellazione della sede regionale precedente; il socio ha la facoltà di non iscriversi in nessuna Siaf  Regionale;
  • Alla Regione viene spedito l’elenco dei soci aggiornato;
  • I corsi sulla Deontologia verranno organizzati dal presidente regionale. I soci pagano 10 euro per un corso di 4 ore (il ricavato andrà al fondo regionale);
  • E’ importante che ci sia un distaccamento regionale poiché in questo modo si può entrare a far parte dei consorzi regionali ed essere possibili fruitori di finanziamenti;
  • L’autonomia regionale favorisce azioni più veloci e snelle a livello regionale.
  • I presenti pongono alcune domande alle quali vengono date le seguenti risposte:

ü  Quali sono i rischi economici e penali del presidente e del direttivo?

Le responsabilità sono quelle legate al penale. Se si viene denunciati come presidente regionale o direttivo da un albo, si rischia di andare in giudizio. Se non si è infranta nessuna regola, si può stare tranquilli perché in questo caso risponde SIAF Nazionale. La responsabilità civile può essere assicurata, mentre quella penale no.

Siaf Nazionale si occuperà della stipula del contratto per tutti gli amministratori.

ü  I rimborsi per viaggio delle sedi regionali devono essere effettuati in base al fondo cassa di quella regione.

ü  Quali sono altri possibili entrate in SIAF Regionale?

Vengono proposti i corsi di passaggio di livello preparati dai Direttori Didattici con il livello di trainer o supervisor. La sede regionale paga il gettone di presenza al relatore e  il resto della quota rimane alla sede regionale.

ü  Quale è il regolamento interno ?

Bisognerà aspettare il 6/12/12 per avere una copia del regolamento Unificato.

ü  Cosa si intende per tutela degli associati?

L’associazione tutela i professionisti, per es. contro accuse di altri ordini.

ü  Il codice deontologico regionale coincide con quello nazionale.

ü  Art. 2: aggiornamento ECP è delegato dalle regioni al comitato scientifico regionale.

ü  I corsi sulla deontologia possono essere frequentati da qualsiasi socio, sia di quella regione che di altre.

ü  Esiste un comitato scientifico nazionale e uno regionale. Tutte le cariche (collegio dei probiviri, revisori etc) possono essere strutturate nel tempo. In caso di giudizio, in prima istanza, decide il presidente regionale attraverso i probiviri regionale; in secondo appello interviene il nazionale con i probiviri nazionale  per confermare o annullare il provvedimento adottato. Spetta al socio fare ricorso in 2° appello ai probiviri nazionali.

ü  Qualora la sede periferica dovesse pagare una quota d’affitto, deve sempre fare i calcoli con il fondo cassa.

ü  Nello statuto regionale non è obbligatorio comunicare la sede se non si ha una personalità giuridica; si deve inserire se lo si ha.

ü  La SIAF è una federazione di associazioni di categoria professionali.

ü  Dal termine della scuola, l’iscrizione può avvenire in qualsiasi momento. Dopo l’esame invece solo tre anni, altrimenti occorre rifare nuovamente l’esame di ammissione.

ü  Cosa ha stabilito la nuova legge sulle professioni non regolamentate?

Sono previste alcune disposizioni necessarie affinché si possa entrare a far parte delle associazioni di categoria professionale (UNI ISOO, ACCREDIA etc)

ü  Caso CoLAP/CNA
E’ possibile avviare una trattativa chiarificatrice con il CoLAP e allo stesso tempo valutare la proposta del CNA

  • Si prosegue con la nomina dei CdA:

 

NORDEST >              Alberto Mantovani

NORDOVEST >        Antonio Strafella

CENTRO >                Valentina Chiarappa

SUD >                         Rudy Russo

ISOLE >                      (in attesa di nomina)

 

  • Il 6 dicembre ’12 ci sarà l’appuntamento con il notaio; successivamente verrà redatto il regolamento di rapporti tra nazionale e regionale.
  • Il Consiglio direttivo si occuperà della revisione del regolamento interno e disciplinare.
  • Il bilancio SIAF scade il 31/3/13. Pertanto bisogna indire l’assemblea nazionale dei soci a Macerata dove ha lo studio il notaio.
  • I membri del direttivo stabiliscono di revisionare:
    Comitato di Accreditamento del Regolamento Interno (Valentina Chiarappa);

I Registri Professionali (Alberto Mantovani)

Decentramento Territoriale (Antonio Strafella)

Referenti di Zona non ci saranno più nelle sedi ove è istituito il consiglio regionale.

La durata dei percorsi formalizzanti deve essere indicata nel regolamento.

Commissione Etica (Valentina Chiarappa)

Obbligo di assicurazione deve essere inserito nello statuto.

I patrocini rimangono ancora a livello nazionale fino al 31/3/13.

  • Si stabilisce che il consiglio direttivo si riunirà il 12/12/12

 

 

Letto e confermato

Stefania Muraro

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

C.F. 92018180429

Via Domenico Maria Manni 56/R - Firenze

La Segreteria SIAF è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 18:00
Tel. e Fax 055 61 34 25